Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Unione Europea e Frontex accusati di abbandonare i migranti in mare

L'UE è stata accusata di aver condannato a morte i migranti dai critici dei suoi recenti accordi da 100 milioni di euro (90 milioni di sterline) per la sorveglianza dei droni sul Mar Mediterraneo, scrive Kaamil Ahmed. Gli attivisti e gli eurodeputati hanno accusato l'agenzia di frontiera dell'UE Frontex di investire nella tecnologia per monitorare i migranti da lontano e aggirare le proprie responsabilità nei confronti delle persone in difficoltà. Frontex è già sotto tiro dopo che un'indagine la scorsa settimana l'ha accusata di complicità in respingimenti spesso pericolosi volti a impedire ai richiedenti asilo di attraversare il Mar Egeo. L'agenzia ha negato la conoscenza o il coinvolgimento in respingimenti. Martedì ha avviato un'indagine interna, sollecitata dal commissario Ue Ylva Johansson dopo i rapporti del Guardian, ma ha detto che non ha ancora trovato alcuna prova di violazioni. Wim Zwijnenburg, che lavora al disarmo per l'organizzazione pacifista olandese Pax, ha detto che i responsabili politici dell'UE hanno sviluppato un "feticcio tecnologico" riguardo al controllo dei suoi confini. "Stanno investendo la stessa somma di denaro per rispondere?" Egli ha detto. “Adesso avremo più telecamere nel cielo per guardare le persone che annegano nel Mediterraneo? "Abbiamo tutti questi occhi nel cielo, ma non abbiamo le mani sul mare." All'inizio di questo mese Frontex ha assegnato contratti ad Airbus e alla compagnia di armi israeliana Elbit Systems per droni di livello militare per monitorare “ogni imbarcazione marittima coinvolta in qualsiasi forma di attività irregolare o illegale in mare”. L'UE ha affermato che la sorveglianza aerea aiuta a salvare vite umane. Ma a giugno un gruppo di ONG per il salvataggio di migranti ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che le operazioni aeree europee hanno portato decine di migliaia di persone a essere prese in custodia dalla guardia costiera libica, mentre l'UE ha posto termine alle proprie pattuglie in mare. "Gli attori europei stanno cercando di ritirare la loro presenza in mare e di non rispettare i loro doveri", ha detto Kiri Santer, di Alarm Phone, una delle ONG dietro il rapporto. "Continuano ad essere presenti ma dall'alto, quindi possono essere consapevoli di diverse barche di migranti in partenza dalle coste libiche e fornire queste informazioni alla guardia costiera libica", ha detto.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti