Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Uber Italia indagata per sfruttamento dei lavoratori migranti

Dieci persone, tra cui un senior operations manager di Uber in Italia, sono sotto inchiesta per il presunto sfruttamento di lavoratori migranti vulnerabili da parte del reparto di consegna di cibo dell'azienda, hanno detto i pubblici ministeri, scrive Lorenzo Tondo. Secondo gli investigatori, i lavoratori sono stati “sottoposti a condizioni di lavoro degradanti, pagati 3 euro a corsa” e le loro mance sono state confiscate. Il caso, incentrato su Uber Eats, ha spinto un tribunale di Milano a collocare Uber Italia in amministrazione controllata a maggio per presunto sfruttamento dei corridori delle consegne. I pubblici ministeri hanno affermato che i lavoratori erano "migranti estremamente vulnerabili e richiedenti asilo provenienti da aree di conflitto (Mali, Nigeria, Costa d'Avorio, Gambia, Pakistan, Bangladesh)". Secondo i pubblici ministeri, un migrante che ha lavorato come motociclista per una settimana a maggio, per un totale di 68 ore, avrebbe guadagnato solo 179,50 euro. "La mia paga era sempre 3 euro per consegna, indipendentemente dal giorno o dall'ora", ha affermato un migrante ai pubblici ministeri. Secondo Paolo Storari, procuratore che guida le indagini, i motociclisti sono stati anche “derubati” di mance volontarie lasciate da alcuni clienti. Alcuni migranti sono stati "puniti" con una "riduzione arbitraria del risarcimento in caso di violazione dei termini del loro accordo". Il giudice che ha posto Uber Italia in amministrazione controllata a maggio ha evidenziato il "forte isolamento sociale in cui vivono questi lavoratori migranti", che ha detto essere visto come "un'opportunità per reclutare lavoratori a costi scandalosamente bassi, data la loro tendenza a fare qualsiasi cosa per sopravvivere"., e che sono sfruttati e discriminati da datori di lavoro senza scrupoli ”. Tra le persone indagate c'è Gloria Bresciani, senior operations manager di Uber Italia. In commenti intercettati, Bresciani avrebbe detto a un dipendente, "non dire mai più che 'abbiamo creato un sistema per i disperati' di fronte a qualcuno dall'esterno. Anche se lo pensi, non arieggi i tuoi panni sporchi in pubblico."

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti