Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

La vera crisi dei migranti è il pregiudizio nei loro confronti

La fortezza Europa è in fase di riprogettazione, ma non è un compito facile. Giovedì i ministri degli Affari interni dell'Unione europea hanno iniziato il processo di riparazione della politica migratoria fallita del blocco, poche settimane dopo la tragica devastazione del campo profughi di Moria a Lesbo. Tuttavia, non aspettatevi cambiamenti rapidi. I 27 paesi sono profondamente divisi sulle proposte per un nuovo "patto" su asilo e migrazione, scrive Shada Islam. Il piano della Commissione europea prevede uno screening pre-ingresso più rapido e un veloce ritorno di coloro che non riescono a ottenere il diritto d'asilo. L'obiettivo è porre fine a procedure di gestione delle frontiere a volte deliberatamente lente, disumane e inefficienti, che portano a campi squallidi e sovraffollati come Moria, dove le persone possono essere lasciate nel limbo per anni. Il ritorno di coloro a cui è stato negato l'asilo potrebbe essere gestito con un nuovo "coordinatore UE per i rimpatri". I dati dell'UE mostrano che in media circa 370.000 domande vengono respinte ogni anno, ma solo un terzo delle persone viene espulso. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, spera che questi e altri cambiamenti convinceranno i governi dell'UE a vedere la migrazione non come un male, ma come una risorsa che ha "definito le nostre società, arricchito le nostre culture e plasmato molte delle nostre vite". Ma i sostenitori della linea dura anti-migrazione in Europa non ci stanno. La preoccupazione principale di Ungheria, Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca è che i rifugiati debbano essere tenuti in "hotspot" o campi al di fuori del territorio dell'UE durante l'elaborazione delle richieste di asilo. I progressisti europei, d'altro canto, temono che le proposte della Commissione assecondino troppo l'estrema destra. Le agenzie per i diritti e le ONG avvertono che il patto potrebbe indebolire la protezione di alcune delle persone più vulnerabili del mondo. La polarizzazione dell'UE sulla migrazione non è nuova. La Germania e la Svezia hanno accolto molti degli 1,5 milioni di rifugiati in fuga dalle guerre in Medio Oriente cinque anni fa, ma gli stati orientali del blocco hanno guardato dall'altra parte. Successivamente hanno bloccato gli sforzi dell'UE per introdurre un sistema di quote per la ridistribuzione dei rifugiati tra i 27 Stati membri. Il numero dei richiedenti asilo è ora in calo, ma per molti governi dell'UE la “crisi” migratoria non finirà mai. Questo perché il problema non è mai stato davvero sui numeri. Le discussioni incessanti dell'Europa sui controlli alle frontiere, le richieste di asilo e la "solidarietà" obbligatoria o volontaria nascondono una discussione più oscura e una divisione più profonda. L'orgoglio e il pregiudizio sono i veri ostacoli che si frappongono a una politica dell'UE ben gestita in materia di migrazione.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti