Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Algeria espelle rifugiati e richiedenti asilo in modo indiscriminato

Le autorità algerine hanno espulso migliaia di migranti e richiedenti asilo in Niger durante ondate di retate di africani per lo più subsahariani in almeno nove città nelle ultime settimane, ha detto oggi Human Rights Watch. Il personale di sicurezza ha separato i bambini dalle loro famiglie durante gli arresti di massa, ha spogliato i migranti e i richiedenti asilo dei loro averi e non ha permesso loro di contestare la loro rimozione o di sottoporli a screening per lo status di rifugiato. Decine di richiedenti asilo registrati presso l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR, sono tra gli arrestati, e molti sono già stati espulsi. Dall'inizio di settembre, l'Algeria ha espulso in Niger oltre 3.400 migranti di almeno 20 nazionalità, inclusi 430 bambini e 240 donne, secondo le organizzazioni umanitarie del Niger. Questo porta il numero di persone espulse sommariamente in Niger quest'anno a oltre 16.000, poco più della metà delle quali nigeriane. Le autorità algerine hanno stipato la maggior parte dei nigeriani in camion o autobus e li hanno consegnati all'esercito del Niger, in quelli che vengono definiti convogli di rimpatrio "ufficiali"; altri, in convogli di nazionalità miste, sono stati lasciati nel deserto vicino al confine. "L'Algeria ha il diritto di proteggere i suoi confini, ma non di detenere arbitrariamente ed espellere collettivamente migranti, compresi bambini e richiedenti asilo, senza traccia di un giusto processo", ha detto Lauren Seibert, ricercatrice sui diritti dei rifugiati e dei migranti presso Human Rights Watch. "Prima di trasferire o espellere qualcuno, le autorità dovrebbero verificare il loro status di immigrazione o asilo individualmente e garantire le revisioni dei tribunali individuali".

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti