Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di immigrati in Italia, storie di migranti in Italia, storie di bambini migranti, migranti pensiero, storie di migranti libri, storie di migranti a lampedusa, dimmi di storie migranti, archivio immigrazione, testimonianze migrazioni, storia di una migrante

Unione Europea offre soldi in cambio di deportazioni?

L'Unione Europea ha svelato mercoledì un nuovo tentativo di persuadere i paesi membri riluttanti a partecipare a un sistema comune per la gestione dei richiedenti asilo, offrendo loro sia incentivi in denaro per accogliere i rifugiati sia una deportazione più rapida delle persone a cui è stato negato l'asilo, scrive Matina Stevis-Gridneff. La proposta della Commissione europea, il ramo esecutivo del blocco, porrebbe fine alle quote adottate cinque anni fa che fissavano il numero di rifugiati che ogni paese dovrebbe accettare, quote che alcuni paesi, come l'Ungheria, hanno semplicemente ignorato senza penalità. La commissione sostituirà quel sistema con uno che spera possa ottenere la cooperazione di tutti i 27 Stati membri, ma ha omesso i dettagli cruciali su come funzionerebbe il nuovo accordo. Non ha chiarito, ad esempio, quali sanzioni, nel caso, ci sarebbero state per qualsiasi paese che rifiuterà di partecipare. Continuerebbe anche a porre un grande fardello su Grecia, Italia e Spagna, paesi all'estremità meridionale dell'Europa, dove i migranti privi di documenti arrivano più spesso nel continente. Il piano della Commissione europea offrirebbe a paesi come Danimarca, Austria, Polonia e Ungheria 10.000 euro per ogni rifugiato che accettano, apparentemente per coprire i primi costi di viaggio e alloggio. Invita inoltre i paesi del blocco ad assistere a un lungo e macchinoso processo di tentativo di rimandare i richiedenti asilo respinti nei loro paesi d'origine. Non è ancora chiaro se la proposta - articolata in più di 500 pagine di documenti rilasciati mercoledì, e toccando più di una dozzina di pezzi - sopravviverà al labirintico processo di approvazione e, in tal caso, come verranno riempiti gli spazi vuoti. I funzionari sperano che una versione sarà concordata per il prossimo anno.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti