Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Chi salva vite in mare non deve essere processato in alcun modo

Mentre le motovedette con luci blu lampeggianti circondavano la Iuventa, appena fuori dal porto di Lampedusa la sera del 1 ° agosto 2017, il suo equipaggio era più infastidito che allarmato. Per tre giorni, il vecchio peschereccio, con equipaggio di volontari della ONG tedesca Jugend Rettet (Youth Rescue), aveva risposto a una serie di richieste della Guardia costiera italiana che per loro non avevano senso. "Si spera che questa follia finisca presto", si legge in un messaggio inviato dal ponte della nave al campo base di Jugend Rettet poco dopo le 22, scrive Daniel Trilling. Nell'estate del 2017, a due anni dall'apice della crisi dei rifugiati in Europa, i trafficanti in Libia mandavano ancora in mare centinaia di persone al giorno su gommoni non sicuri e l'equipaggio della Iuventa voleva essere dove si trovava l'azione. In un lembo di mare appena al largo della costa del Nord Africa, circa una dozzina di navi di ONG erano alla ricerca di imbarcazioni in pericolo: una sfida diretta, come molti di loro hanno visto, ai governi europei che avevano ridotto gli sforzi di soccorso statali. Eppure la Iuventa aveva seguito le istruzioni che l'avevano allontanata dalla zona di soccorso e più vicina alle acque territoriali italiane. Secondo i registri della nave, la guardia costiera italiana ha prima detto all'equipaggio di incontrarsi con una nave della marina italiana per raccogliere due uomini trovati alla deriva in mare e consegnarli a un altro. La seconda nave non è mai arrivata. Poi è stato detto loro di cercare un peschereccio blu e bianco con 50 persone a bordo, apparentemente affondato nel mare vicino a Lampedusa. Al calar della notte il 1° agosto, dopo una giornata trascorsa a cercare invano tra le onde, è arrivato un messaggio: interrompete la ricerca e procedete in porto. Era la terza volta in pochi mesi. In poco più di un anno, la Iuventa, composta da un gruppo di giovani motivati “che non sopportava più di vedere la situazione nel Mediterraneo”, come si diceva, ha salvato più di 14.000 persone. La maggior parte di questi salvataggi sono stati coordinati dalla guardia costiera italiana, ma il rapporto era sempre più teso. L'equipaggio rotante di volontari della Iuventa criticava apertamente le politiche di confine dell'Europa, e la piccola nave agile ha preso più rischi di alcune delle navi più grandi delle ONG, navigando il più vicino possibile alle acque libiche per poter salvare le persone da barche non sicure. Come ha affermato un media italiano, la nave era "come una specie di berlinese accovacciato in mezzo al mare - molto ben organizzato, radicale e antagonista". Non appena la Iuventa entrò nel porto di Lampedusa, l'equipaggio si aspettava di essere interrogato brevemente dalla polizia, come già fatto in precedenti occasioni, per poi rimettersi al lavoro. Si sbagliavano. Entro poche ore, la loro nave sarebbe stata sequestrata, segnando l'inizio di una lunga e ancora irrisolta indagine penale che lascia 10 volontari umanitari a rischio fino a 20 anni di carcere...

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Storie di immigrati: la risposta a Trump sui cesso di paesi

Cesso... la portentosa invenzione divenne oggetto di uso popolare più avanti, precisamente intorno al 1850.
Insomma, grazie, presidente, perché avrebbe potuto dire, che so, sedia di paesi o anche forchetta di paesi, ma non sarebbe stato lo stesso.
Con il suo, per quanto controverso accostamento, ha finalmente capito che qualora ci si riferisca a intere nazioni, significa tirare in ballo popoli, ovvero persone a milioni, culture millenarie e tradizioni antiche come l’uomo stesso.

Leggi di più

Centri di detenzione in Libia sono illegali e disumani

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati chiede ancora una volta il rilascio di migranti dai centri di detenzione in Libia. Secondo l'UNHCR, ci sono undici centri ufficiali che ospitano oltre 2.300 persone in Libia e molte strutture non ufficiali di cui si sa poco.

Ci sono undici centri di detenzione per migranti gestiti dal governo di accordo nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite in Libia, secondo l'agenzia dell’ONU per i rifugiati dell'UNHCR. Un totale di 2.362 persone sono state trattenute in queste strutture a partire dal 3 luglio.

I centri ufficiali nell'area di Tripoli sono a Triq al Sikka, Abu Salim e Janzour, mentre le strutture nel nord-ovest sono a Zwara, Sabratha, Azzawaya Abu Issa, Azzawaya Al Nasr, Giryan al Hamra e Zintan (Thaher al Jabal), a Il portavoce
dell'UNHCR ha riferito all'agenzia di stampa italiana ANSA a luglio. Nella parte occidentale del paese ci sono strutture ufficiali a Zliten e Sul al-Khamed (Khums).

Cattive condizioni …

Un giorno di ordinaria propaganda fascista

C’era una volta la propaganda.
Ovvero, la voce bugiarda e interessata.
Al clic del link come alla paura, la tua.
Di te che leggi e soprattutto credi a quel che temi.
Prendi Google News e cerca la parola magica.
Leggi pure come ciò che riempie il piatto di questi sciagurati scribacchini: immigrati.
In Italia torna la tubercolosi, un “regalo” degli immigrati, racconta il Primato Nazionale, forte di una redazione estremamente competente dal punto di vista scientifico, medico ed epidemiologico in generale.
Si coglie la banale ironia? Spero di sì, poiché ne farò uso copioso, da qui in poi.
Migranti, l’Italia ha superato la soglia limite: un cittadino su 10 è straniero, urla Il Giornale.
Non è uno scherzo, l’articolo titola e approfondisce proprio tale concetto, terrorizzandolo allo spasimo: prima era zero su dieci, oggi ce n’è uno!
Paura, eh?
Beati i tempi in cui una decina di noi potevano andarsene in giro puri e compatti per carnagione e sacre tradizioni.
La lobby internazionale della sinis…