mercoledì 15 luglio 2020

Partecipa al progetto Imagine Imagine: un video musicale per migranti e rifugiati

L'Agenzia delle Nazioni Unite per l'immigrazione IOM si è unita a vari gruppi per produrre un video musicale al fine di "celebrare gli straordinari contributi degli sfollati e dei migranti nel nostro mondo", scrive Emma Walls.

Il progetto intitolato “Imagine Imagine” è stato lanciato durante la settimana dei rifugiati nel Regno Unito verso la fine di giugno 2020. Prevede di mettere insieme un video musicale che "invierà un potente messaggio di solidarietà a quelli dei campi profughi di tutto il mondo e celebrerà il contributo degli sfollati durante la pandemia COVID-19 ".

I produttori di video di Together Productions, un gruppo di I Speak Music e IOM, nonché di Arts Council England, stanno cercando contributi per il progetto da rifugiati e migranti di tutto il mondo. L'orchestra I Speak Music Community ha già creato una nuova canzone per il progetto che "fonde molti stili musicali diversi, tra cui arabo, latino, hip hop e corale".

A bordo ci sono già musicisti provenienti da Siria, El Salvador, Gaza, Egitto, Stati Uniti e Iran. Tra gli attori principali c'è un violinista siriano, Raghad Haddad. Haddad ha ottenuto l'asilo nel Regno Unito nel 2017. È direttrice artistica della I Speak Music Orchestra.

Il gruppo vuole che le persone si filmino cantando, suonando strumenti o percussioni, ballando e condividendo momenti importanti della loro vita quotidiana. Dopo aver ricevuto e modificato i contributi, i produttori li intrecciano per il video musicale.

Se vuoi prendere parte a questo progetto, puoi visitare la piattaforma online del gruppo e registrarti. Basta visitare il sito Web: www.imagineimagine.org

Al fine di contribuire a coprire i costi dei dati mobili che molti dovranno sostenere durante il caricamento dei propri video, il gruppo ha istituito un fondo di borsa di studio aperto a contributi. Cercheranno quindi di aiutare a coprire i costi dei caricamenti di rifugiati e migranti nel progetto.

Il gruppo crede che attraverso l'arte e la musica possano "creare un cambiamento positivo". Dicono che stanno lavorando verso una "società più conne

ssa e coesa in cui gli individui di tutto lo spettro sociale sono celebrati per le loro differenze e somiglianze". Dicono che sperano di "creare ritmi per nuove conversazioni e voci altrimenti emarginate".

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento