giovedì 2 luglio 2020

La vita di 180 persone migranti è sospesa in mare tra Italia e Malta

Circa 180 esseri umani sono "in un limbo" nel Mediterraneo perché l'Italia e Malta si rifiutano di accoglierli, ha dichiarato giovedì l'ente benefico per il salvataggio in mare SOS Mediterranee.

Frederic Penard, direttore operativo di SOS Mediterranee, ha dichiarato che l'organizzazione benefica ha inviato cinque richieste in Italia e Malta, ogni volta senza successo.

Le organizzazioni di soccorso hanno riavviato le

missioni in aprile per salvare centinaia di migranti bloccati in mare, due mesi dopo aver abbandonato le operazioni a causa della pandemia di coronavirus. I migranti sono stati raccolti in quattro operazioni di salvataggio separate, con le prime due eseguite una settimana fa, e stanno fuggendo dalla violenza e dagli abusi in Libia, ha affermato SOS Mediterranee. "Alcuni dei 180 sopravvissuti sono stati in condizioni precarie in mare per più di otto giorni. Questa situazione è insopportabile", hanno aggiunto.

Nel mezzo di una risposta divisa alla crisi del salvataggio dei migranti nel Mediterraneo, i paesi dell'Unione europea non sono riusciti a creare un accordo di ridistribuzione dell'UE più permanente per prevenire le tragedie dei migranti in mare nel 2019. Lo scorso giugno, otto dei 28 paesi dell'UE, tra cui Francia e Germania, hanno manifestato la chiara intenzione di andare avanti con un nuovo sistema chiamato "meccanismo di solidarietà". Tuttavia, non riuscirono a convincere l'Italia e Malta a consentire alle navi di salvataggio di attraccare nei loro porti.

I paesi europei fanno fatica a trovare un accordo su come affrontare i migranti che cercano di attraversare il Mediterraneo. Nel 2014, l'agenzia di controllo delle frontiere dell'UE, Frontex, ha deciso di porre fine all'operazione di salvataggio di Mare Nostrum. È stato sostituito da un'operazione denominata Triton, condotta da novembre 2014 a febbraio 2018 e finanziata da tutte le 28 nazioni dell'UE a una frazione del costo. Ma a differenza del precedente programma, la nuova operazione di salvataggio è stata criticata a causa del fatto che l'obiettivo principale di questa missione congiunta dell'UE è solo quello di gestire il controllo di sicurezza delle frontiere per impedire all'enorme numero di migranti di venire in Europa.

Da allora, alcune operazioni di salvataggio indipendenti da parte di ONG hanno tentato di colmare il vuoto lasciato dopo che gli sforzi dell'UE sono cessati, mentre lottano per salvare la vita di molti migranti, nonostante le politiche rigide di alcuni governi dell'UE di chiudere i loro porti alle navi di salvataggio dei gruppi umanitari. Sia l'Italia che Malta hanno impedito alle ONG e ai gruppi di aiuto di gestire imbarcazioni di salvataggio, rifiutando loro l'ingresso nei loro porti o sequestrando le loro navi e mettendo i loro equipaggi sotto inchiesta.

Nel 2019, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) ha registrato 1.283 decessi nel Mediterraneo, con la rotta tra Nord Africa e Italia la più letale. Si stima che almeno 19.164 migranti siano morti in mare negli ultimi cinque anni. Secondo i dati del 2018, sei persone morivano ogni giorno mentre tentavano di raggiungere le coste europee.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento