Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Leggi contro ONG che aiutano i migranti

Il governo greco sta prendendo di mira le ONG che lavorano con i migranti nell'ambito di uno sforzo politicizzato di riduzione dell'asilo, scrive Nikolaj Nielsen.

Le nuove norme ministeriali introdotte all'inizio di quest'anno e inserite in una più ampia legge sulla migrazione a maggio si applicano solo ai gruppi della società civile che si occupano di rifugiati e asilo.

Atene afferma che le regole sono necessarie per

una maggiore trasparenza e responsabilità, ma le ONG sostengono che discriminano e sono quasi impossibili da attuare per le organizzazioni di base più piccole.

Redatte dal ministero delle finanze greco e dal ministero delle migrazioni e dell'asilo, le nuove regole impongono condizioni supplementari.

"La legge mantiene un chiaro potere discrezionale sul ministero della migrazione e dell'asilo di negare la registrazione, anche se i requisiti sono soddisfatti", ha affermato Minos Mouzourakis, un legale presso il Refugee Support Aegean.

Le ONG che aiutano i richiedenti asilo sono ora tenute a registrarsi presso il ministero dell'asilo e della migrazione. Devono inoltre essere certificati se desiderano ricevere finanziamenti a livello statale o dell'UE.

In effetti, le regole impediscono essenzialmente alle nuove ONG di registrarsi, poiché sono tenute a presentare bilanci di due anni.

Melina Spathari di Terre des Hommes Hellas, una ONG internazionale, afferma che un registro centralizzato aggiornato delle ONG migliorerà la trasparenza.

Ma ha sottolineato che si rivolge solo alle ONG che lavorano con i rifugiati e richiede che vengano controllate da auditor certificati e altri obblighi burocratici che rischiano di creare un effetto agghiacciante.

"Questo nuovo processo escluderà molte organizzazioni perché non dispongono del budget per coprire questi costi esorbitanti. Stiamo parlando di organizzazioni della società civile molto piccole, di base", ha affermato.

Significa anche che richiedenti asilo e rifugiati potrebbero soffrirne, dato che molti si affidano alle ONG per i bisogni di base in Grecia.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti