martedì 5 maggio 2020

Scandalo biglietti dei treni per migranti in India

Il governo indiano è stato criticato di recente per aver chiesto ai migranti bloccati nel paese di pagare il biglietto sui treni speciali con cui tornare nei rispettivi stati d'origine.

Per la cronaca, milioni di lavoratori nel settore informale sono rimasti senza lavoro dopo la chiusura delle attività commerciali in tutto il paese a seguito dell'implementazione del blocco a livello nazionale il 25 marzo scorso, nel tentativo di contenere la diffusione del nuovo coronavirus.
Il primo gruppo di migranti ha lasciato la città

meridionale di Hyderabad il 1° maggio per lo stato orientale di Jharkhand dopo che il governo la scorsa settimana ha permesso ai treni e agli autobus interstatali speciali di trasportare coloro che volevano tornare ai loro villaggi in altri stati.

Ma è emerso che ai migranti sono state addebitate fino a 800 rupie indiane (circa 11 dollari) per il viaggio. Un lavoratore salariato giornaliero guadagna tra 200 rupie e 400 rupie (tra i tre i cinque dollari circa) al giorno.

Ai migranti è stato anche chiesto di pagare un supplemento di 50 rupie (circa mezzo dollaro) poiché gli autobus gestiti dal governo del Karnataka gli hanno addebitato i prezzi elevati dei biglietti, secondo quanto riportato dai media locali.

Lunedì il Congresso del principale partito di opposizione in India ha annunciato che pagherà la tariffa dei migranti dopo che i cittadini hanno iniziato a criticare sui social media sulla mossa del governo, con gli hashtag #PMCaresFund e #Railways che sono diventati le principali tendenze di Twitter.

"I nostri lavoratori e operai sono gli ambasciatori della crescita della nostra nazione", ha dichiarato il presidente del Congresso Sonia Gandhi in una nota.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento