Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Migranti intrappolati nel deserto o in mare

Migliaia di migranti disperati sono intrappolati nel limbo e anche a rischio di morte senza cibo, acqua o riparo nei deserti torridi e in mare, mentre i governi chiudono i confini e i porti in mezzo alla pandemia di coronavirus.

I migranti sono stati lasciati cadere dai camion nel deserto del Sahara o sono stati portati sul confine desolato del Messico con il Guatemala e oltre. Stanno andando alla deriva nel Mar Mediterraneo dopo che le autorità europee e libiche hanno dichiarato i loro porti non sicuri. E si ritiene che circa 100 rifugiati rohingya del Myanmar siano morti nel Golfo del Bengala, poiché un paese dopo l'altro li respinge in mare.

Molti governi hanno dichiarato emergenze, affermando che una crisi di salute pubblica come la pandemia di coronavirus richiede misure straordinarie. Tuttavia, queste misure sono solo gli ultimi sforzi dei governi per reprimere i migranti, nonostante le leggi sui diritti umani.

"Ci hanno appena scaricato", ha detto Fanny

Jacqueline Ortiz, un 37enne honduregna che viaggia con le sue due figlie, di 3 e 12 anni.

Ortiz raggiunse gli Stati Uniti, ma le autorità americane l’hanno riportata in Messico. Il governo messicano a sua volta ha abbandonato la famiglia il 26 marzo al solitario valico di frontiera di El Ceibo con il Guatemala. A Ortiz e altri migranti sul convoglio a due autobus fu detto di evitare i soldati guatemaltechi di guardia al confine, chiuso a causa della pandemia.

"Ci hanno detto di andare in giro per le montagne e abbiamo dormito nei boschi", ha raccontato.

Nelle prossime settimane, un'attivista ha aiutato Ortiz e altri nel suo gruppo di 20 persone a trovare un passaggio fino al confine successivo, in Honduras.

Dall'indomani della seconda guerra mondiale, le leggi internazionali e alcune nazionali hanno protetto rifugiati e richiedenti asilo. Anche se gli stati hanno il diritto di chiudersi per la sicurezza nazionale, non possono forzatamente rimandare i migranti nei paesi in cui dovranno affrontare violenze e altri pericoli, secondo la dott.ssa Violeta Moreno-Lax, professore di diritto migratorio alla Queen Mary University di Londra.

Eppure è esattamente quello che sta succedendo.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Storie di immigrati: la risposta a Trump sui cesso di paesi

Cesso... la portentosa invenzione divenne oggetto di uso popolare più avanti, precisamente intorno al 1850.
Insomma, grazie, presidente, perché avrebbe potuto dire, che so, sedia di paesi o anche forchetta di paesi, ma non sarebbe stato lo stesso.
Con il suo, per quanto controverso accostamento, ha finalmente capito che qualora ci si riferisca a intere nazioni, significa tirare in ballo popoli, ovvero persone a milioni, culture millenarie e tradizioni antiche come l’uomo stesso.

Leggi di più

Centri di detenzione in Libia sono illegali e disumani

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati chiede ancora una volta il rilascio di migranti dai centri di detenzione in Libia. Secondo l'UNHCR, ci sono undici centri ufficiali che ospitano oltre 2.300 persone in Libia e molte strutture non ufficiali di cui si sa poco.

Ci sono undici centri di detenzione per migranti gestiti dal governo di accordo nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite in Libia, secondo l'agenzia dell’ONU per i rifugiati dell'UNHCR. Un totale di 2.362 persone sono state trattenute in queste strutture a partire dal 3 luglio.

I centri ufficiali nell'area di Tripoli sono a Triq al Sikka, Abu Salim e Janzour, mentre le strutture nel nord-ovest sono a Zwara, Sabratha, Azzawaya Abu Issa, Azzawaya Al Nasr, Giryan al Hamra e Zintan (Thaher al Jabal), a Il portavoce
dell'UNHCR ha riferito all'agenzia di stampa italiana ANSA a luglio. Nella parte occidentale del paese ci sono strutture ufficiali a Zliten e Sul al-Khamed (Khums).

Cattive condizioni …

Un giorno di ordinaria propaganda fascista

C’era una volta la propaganda.
Ovvero, la voce bugiarda e interessata.
Al clic del link come alla paura, la tua.
Di te che leggi e soprattutto credi a quel che temi.
Prendi Google News e cerca la parola magica.
Leggi pure come ciò che riempie il piatto di questi sciagurati scribacchini: immigrati.
In Italia torna la tubercolosi, un “regalo” degli immigrati, racconta il Primato Nazionale, forte di una redazione estremamente competente dal punto di vista scientifico, medico ed epidemiologico in generale.
Si coglie la banale ironia? Spero di sì, poiché ne farò uso copioso, da qui in poi.
Migranti, l’Italia ha superato la soglia limite: un cittadino su 10 è straniero, urla Il Giornale.
Non è uno scherzo, l’articolo titola e approfondisce proprio tale concetto, terrorizzandolo allo spasimo: prima era zero su dieci, oggi ce n’è uno!
Paura, eh?
Beati i tempi in cui una decina di noi potevano andarsene in giro puri e compatti per carnagione e sacre tradizioni.
La lobby internazionale della sinis…