mercoledì 13 maggio 2020

Lockdown finisce ma non per i migranti

Il governo greco ha iniziato ad allentare le misure di blocco, dato il successo del paese nel mantenere sotto controllo Covid-19. A partire dalla scorsa settimana, le persone potrebbero uscire di casa senza autorizzazione, la maggior parte dei negozi sono stati riaperti e gli studenti più grandi sono tornati in classe, scrive Eva Cossé.

Tuttavia, lo stesso non vale per i richiedenti asilo o

i migranti che vivono in alloggi assegnati ai migranti, sulla terraferma greca o nei centri di accoglienza sovraffollati sulle isole del Mar Egeo.

Domenica il governo ha dichiarato che avrebbe esteso le misure di blocco in tali centri fino al 21 maggio, affermando che "motivi urgenti di interesse pubblico... rendono necessario adottare misure per limitare la diffusione di Covid-19 in aree di sovraffollamento, come i RIC [centri di accoglienza] e le strutture che ospitano cittadini di paesi terzi ".

Mentre è fondamentale adottare misure per contenere le infezioni da Covid-19, i leader greci dovrebbero trattare tutti, compresi i migranti e i richiedenti asilo, allo stesso modo, senza discriminazioni. E mentre le restrizioni alla libera circolazione per proteggere la salute pubblica possono essere necessarie e giustificate, devono essere supportate da prove scientifiche.

Queste restrizioni non hanno tale fondamento. Dall'11 maggio 2726 casi Covid-19 e 151 morti sono stati segnalati in Grecia. Ciò include 11 casi nella popolazione locale sulle isole che ospitano richiedenti asilo, secondo i media. Nessun caso è stato ancora identificato nei campi dell'isola.

In effetti, le autorità greche, nonostante il sostegno finanziario della Commissione europea, non hanno adottato misure di base per proteggere le persone in questi centri. Non hanno affrontato il sovraffollamento e la mancanza di assistenza sanitaria o la mancanza di accesso a prodotti adeguati per l'acqua, i servizi igienico-sanitari e l'igiene come il sapone. Nonostante abbia annunciato il 16 aprile che avrebbe trasferito 2.380 persone dai campi dell'isola, ad oggi il governo ha trasferito solo 823 persone. Al 6 maggio, 34.052 persone vivevano nei campi delle isole greche dell'Egeo - oltre 6 volte la loro capacità.

Inoltre, in 2 nuove strutture per migranti sulla terraferma, a Malakassa e Serres, oltre 2.000 persone appena arrivate sono state tenute in quarantena forzata da marzo in condizioni non igieniche e anguste, senza prove del fatto che qualcuno di loro abbia contratto il coronavirus. L'Organizzazione mondiale della sanità raccomanda un periodo di isolamento di 14 giorni.

Il governo greco dovrebbe continuare a ridurre l'affollamento nei campi, eliminare le restrizioni arbitrarie e discriminatorie alla libertà di movimento dei migranti e proteggere la loro salute.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento