giovedì 14 maggio 2020

Basta con le espulsioni forzate

La Rete delle Nazioni Unite sulla migrazione è preoccupata dalle notizie di Stati in molte regioni che utilizzano il rimpatrio forzato di migranti come misura in risposta a COVID-19. La rete invita gli Stati a sospendere i rimpatri forzati durante la pandemia, al fine di proteggere la salute dei migranti e delle comunità e difendere i diritti umani di tutti i migranti, indipendentemente dallo status. Affrontare con successo la pandemia non può essere raggiunto senza difendere i diritti umani.

Quando le chiusure temporanee delle frontiere e le

restrizioni alla circolazione sono ritenute necessarie per impedire la trasmissione di COVID-19, devono essere attuate in modo non discriminatorio e proporzionato al raggiungimento dell'obiettivo di salute pubblica perseguito. Tali chiusure dovrebbero includere protocolli e processi sanitari per garantire diritti fondamentali in ogni momento.

Mantenere tutti al sicuro significa garantire che nessuno debba affrontare il rischio di repressione ritornando in luoghi in cui la loro vita, sicurezza o diritti umani sono minacciati. Significa che le espulsioni collettive, come respingimenti arbitrari di migranti e richiedenti asilo alle frontiere, devono essere fermate; che le esigenze di protezione devono essere valutate individualmente; e che lo stato di diritto e il giusto processo devono essere rispettati. Significa anche dare la priorità alla protezione, compreso l'interesse superiore di ogni bambino. Questi sono obblighi nel diritto internazionale che non possono mai essere sospesi e sono vitali per qualsiasi approccio efficace alla lotta contro COVID-19 a beneficio di tutti.

I rimpatri forzati possono intensificare i gravi rischi per la salute pubblica di tutti: migranti, funzionari pubblici, operatori sanitari, assistenti sociali e comunità di accoglienza e di origine. I resi forzati mettono a dura prova i paesi di ritorno. Molti sistemi sanitari sono già tesi e mancano della capacità di proteggere i rimpatriati e le loro comunità, anche attraverso test all'arrivo e misure di quarantena e autoisolamento che preservano l'unità familiare e assicurano il miglior interesse dei bambini. I rimpatriati possono affrontare ulteriori rischi durante il trasferimento e al ritorno, come la mancanza di accesso a un'adeguata assistenza sanitaria, scarsi sistemi idrici e igienico-sanitari, interruzione del trasporto via terra, ulteriori restrizioni ai movimenti e discriminazione violenta e stigmatizzazione nelle comunità di rimpatrio. In alcuni contesti, i migranti rimpatriati e i richiedenti asilo possono anche essere a rischio di subire sfollamenti prolungati, traffico di persone e difficoltà finanziarie estreme con aumenti a livelli già elevati di disoccupazione a causa di COVID-19.

La Rete delle Nazioni Unite sulla migrazione ricorda gli impegni assunti dagli Stati nel Patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare per il rispetto dei diritti umani di tutti i migranti, indipendentemente dallo stato migratorio, e per migliorare la governance della migrazione, anche collaborando per salvare vite e per tenere i migranti fuori pericolo. Utilizzando questo quadro di azione collettiva per guidare le pratiche di immigrazione durante la pandemia, la Rete esorta gli Stati a portare avanti l'obiettivo 21 del Global Compact for Migration garantendo il giusto processo e sostenendo il divieto di espulsione collettiva e di rimpatrio dei migranti quando vi sono rischi prevedibili per la loro diritti umani.


Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento