Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Tragedia dei migranti prigionieri nel golfo

Milioni di lavoratori migranti nei paesi del Golfo si sono trovati in questi giorni rinchiusi, licenziati e bloccati, senza spazio per chiedere aiuto, scrive Ben Hubbard.
Il Qatar ha bloccato decine di migliaia di lavoratori migranti in un quartiere affollato, temendo che diventasse un focolaio di coronavirus. Le società dell'Arabia Saudita hanno detto ai lavoratori stranieri di restare a casa, quindi hanno smesso di pagarli. In Kuwait, un'attrice ha detto in TV che i migranti dovrebbero essere buttati fuori "nel deserto".

Le monarchie ricche di petrolio del Golfo Persico si affidano da tempo agli eserciti di lavoratori migranti a basso reddito provenienti da Asia, Africa e altrove per sollevare pesantemente le loro economie, e hanno affrontato critiche di lunga data da parte di gruppi per i diritti umani per aver trattato male quei lavoratori.

Ora, la pandemia di coronavirus ha peggiorato le cose, poiché i migranti negli Stati del Golfo si sono ritrovati rinchiusi in dormitori angusti e non igienici, privati del reddito e incapaci di tornare a casa a causa delle restrizioni di viaggio.

Alcuni sono a corto di cibo e denaro e temono di

non avere un posto dove rivolgersi in società che spesso li trattano come una sottoclasse sacrificabile.

"Nessuno ci ha chiamato", ha detto Mohamed al-Sayid, un ristoratore egiziano bloccato con sette amici in un monolocale a Jeddah, in Arabia Saudita, dopo aver perso il lavoro. “Nessuno ci ha visitato affatto. Non ho paura del coronavirus. Temo che moriremo di fame. "

I blocchi e le conseguenti recessioni economiche hanno inferto duri colpi alle comunità di migranti in tutto il mondo, anche nel sud-est asiatico e all'interno dell'India. Ma il mero numero e la diversità dei migranti nei paesi del Golfo Persico significano che i danni alla loro salute e alle loro finanze echeggeranno attraverso i continenti.

È fondamentale il ruolo del lavoro migrante nel Golfo, dove i lavori nell'edilizia, nei servizi igienico-sanitari, nei trasporti, nell'ospitalità e persino nella sanità sono dominati da milioni di lavoratori provenienti da Pakistan, India, Bangladesh, Nepal, Filippine e altrove. Spesso lavorano e vivono in condizioni scadenti per guadagnare più di quanto potrebbero fare a casa.

Più di un terzo dei 34 milioni di persone dell'Arabia Saudita sono stranieri, così come circa la metà delle popolazioni del Bahrain e dell'Oman, secondo il World Factbook della Central Intelligence Agency. In Kuwait, gli stranieri sono più numerosi dei cittadini di oltre due a uno; in Qatar e negli Emirati Arabi Uniti, tale rapporto è quasi di nove a uno.

Con la diffusione del virus, i paesi del Golfo hanno imposto blocchi e altre restrizioni volte a limitare il contagio che hanno notevolmente rallentato le loro economie.

Molte di queste perdite sono ricadute sui lavoratori. Alcuni guadagnano solo 200 dollari al mese e molti hanno accumulato debiti sostanziali con reclutatori e intermediari prima ancora che iniziassero a lavorare.

Il mancato guadagno non riguarderà solo i lavoratori, ma anche i loro paesi di origine, che ricevono miliardi di dollari di rimesse ogni anno.

Il che vuol dire mancanza di sostentamento per le famiglie dei migranti stessi, ovvero anziani, donne e bambini.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Storie di immigrati: la risposta a Trump sui cesso di paesi

Cesso... la portentosa invenzione divenne oggetto di uso popolare più avanti, precisamente intorno al 1850.
Insomma, grazie, presidente, perché avrebbe potuto dire, che so, sedia di paesi o anche forchetta di paesi, ma non sarebbe stato lo stesso.
Con il suo, per quanto controverso accostamento, ha finalmente capito che qualora ci si riferisca a intere nazioni, significa tirare in ballo popoli, ovvero persone a milioni, culture millenarie e tradizioni antiche come l’uomo stesso.

Leggi di più

Centri di detenzione in Libia sono illegali e disumani

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati chiede ancora una volta il rilascio di migranti dai centri di detenzione in Libia. Secondo l'UNHCR, ci sono undici centri ufficiali che ospitano oltre 2.300 persone in Libia e molte strutture non ufficiali di cui si sa poco.

Ci sono undici centri di detenzione per migranti gestiti dal governo di accordo nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite in Libia, secondo l'agenzia dell’ONU per i rifugiati dell'UNHCR. Un totale di 2.362 persone sono state trattenute in queste strutture a partire dal 3 luglio.

I centri ufficiali nell'area di Tripoli sono a Triq al Sikka, Abu Salim e Janzour, mentre le strutture nel nord-ovest sono a Zwara, Sabratha, Azzawaya Abu Issa, Azzawaya Al Nasr, Giryan al Hamra e Zintan (Thaher al Jabal), a Il portavoce
dell'UNHCR ha riferito all'agenzia di stampa italiana ANSA a luglio. Nella parte occidentale del paese ci sono strutture ufficiali a Zliten e Sul al-Khamed (Khums).

Cattive condizioni …

Un giorno di ordinaria propaganda fascista

C’era una volta la propaganda.
Ovvero, la voce bugiarda e interessata.
Al clic del link come alla paura, la tua.
Di te che leggi e soprattutto credi a quel che temi.
Prendi Google News e cerca la parola magica.
Leggi pure come ciò che riempie il piatto di questi sciagurati scribacchini: immigrati.
In Italia torna la tubercolosi, un “regalo” degli immigrati, racconta il Primato Nazionale, forte di una redazione estremamente competente dal punto di vista scientifico, medico ed epidemiologico in generale.
Si coglie la banale ironia? Spero di sì, poiché ne farò uso copioso, da qui in poi.
Migranti, l’Italia ha superato la soglia limite: un cittadino su 10 è straniero, urla Il Giornale.
Non è uno scherzo, l’articolo titola e approfondisce proprio tale concetto, terrorizzandolo allo spasimo: prima era zero su dieci, oggi ce n’è uno!
Paura, eh?
Beati i tempi in cui una decina di noi potevano andarsene in giro puri e compatti per carnagione e sacre tradizioni.
La lobby internazionale della sinis…