Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Per i migranti il lockdown vuol dire morire di fame

Dalle 6 del mattino alle 18, i servizi di sicurezza applicano il coprifuoco. Come la maggior parte degli altri paesi del mondo, la Tunisia rimane bloccata.

In tutte le altre occasioni, sono in atto strette restrizioni ai movimenti pubblici per limitare la diffusione del coronavirus. In tutto il paese, molte aziende sono chiuse, con i dipendenti che si preparano per l'attesa lunga e potenzialmente devastante dal punto di vista economico fino a quando qualcosa come la vita normale ritornerà nel paese.

A metà del blocco iniziale, le proteste sono scoppiate in alcuni dei quartieri più poveri vicino alla capitale, Tunisi.

Per la popolazione migrante del paese, principalmente dall'Africa sub-sahariana, la minaccia rappresentata da Covid-19 è particolarmente acuta. In Wardia, vicino alla capitale, 56 migranti alloggiati in uno dei centri di accoglienza e orientamento del paese hanno iniziato lo sciopero della fame per la mancanza di protezione che ritengono di essere stati garantiti.

Tuttavia, per i migranti irregolari che si sono fatti strada verso le regioni meridionali del paese, vivendo all'interno della comunità e privati del

lavoro occasionale su cui molti si affidano per cose essenziali come cibo e affitto, il blocco si sta rivelando critico.

"Non è facile", afferma Lamine Dakumi, 25 anni, della Guinea-Bissau, a causa di un incerto collegamento telefonico dalla città costiera di Zarzis, vicino alla Libia. È uno delle diverse centinaia di migranti nel sud della Tunisia.

Dakumi e sua moglie sono entrati in Tunisia attraverso la Libia quattro mesi fa. Ora sua moglie è malata (non di coronavirus, sottolinea). Non ha lavorato nei cantieri in cui si sono procurati dei mezzi per vivere per un mese. "Il padrone di casa vuole l’affitto", dice, "e devo dire che non abbiamo soldi, niente".

Le misure per rallentare la diffusione del virus sono state introdotte relativamente presto in Tunisia. Il coprifuoco è stato annunciato a metà marzo, dopo che erano stati confermati solo 29 casi di virus e avevano già rafforzato le misure, tra cui la chiusura dei confini del paese e le restrizioni a numerosi incontri pubblici. Il blocco iniziale di due settimane, imposto tre giorni dopo il 20 marzo, è stato successivamente esteso al 19 aprile.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Storie di immigrati: la risposta a Trump sui cesso di paesi

Cesso... la portentosa invenzione divenne oggetto di uso popolare più avanti, precisamente intorno al 1850.
Insomma, grazie, presidente, perché avrebbe potuto dire, che so, sedia di paesi o anche forchetta di paesi, ma non sarebbe stato lo stesso.
Con il suo, per quanto controverso accostamento, ha finalmente capito che qualora ci si riferisca a intere nazioni, significa tirare in ballo popoli, ovvero persone a milioni, culture millenarie e tradizioni antiche come l’uomo stesso.

Leggi di più

Centri di detenzione in Libia sono illegali e disumani

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati chiede ancora una volta il rilascio di migranti dai centri di detenzione in Libia. Secondo l'UNHCR, ci sono undici centri ufficiali che ospitano oltre 2.300 persone in Libia e molte strutture non ufficiali di cui si sa poco.

Ci sono undici centri di detenzione per migranti gestiti dal governo di accordo nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite in Libia, secondo l'agenzia dell’ONU per i rifugiati dell'UNHCR. Un totale di 2.362 persone sono state trattenute in queste strutture a partire dal 3 luglio.

I centri ufficiali nell'area di Tripoli sono a Triq al Sikka, Abu Salim e Janzour, mentre le strutture nel nord-ovest sono a Zwara, Sabratha, Azzawaya Abu Issa, Azzawaya Al Nasr, Giryan al Hamra e Zintan (Thaher al Jabal), a Il portavoce
dell'UNHCR ha riferito all'agenzia di stampa italiana ANSA a luglio. Nella parte occidentale del paese ci sono strutture ufficiali a Zliten e Sul al-Khamed (Khums).

Cattive condizioni …

Un giorno di ordinaria propaganda fascista

C’era una volta la propaganda.
Ovvero, la voce bugiarda e interessata.
Al clic del link come alla paura, la tua.
Di te che leggi e soprattutto credi a quel che temi.
Prendi Google News e cerca la parola magica.
Leggi pure come ciò che riempie il piatto di questi sciagurati scribacchini: immigrati.
In Italia torna la tubercolosi, un “regalo” degli immigrati, racconta il Primato Nazionale, forte di una redazione estremamente competente dal punto di vista scientifico, medico ed epidemiologico in generale.
Si coglie la banale ironia? Spero di sì, poiché ne farò uso copioso, da qui in poi.
Migranti, l’Italia ha superato la soglia limite: un cittadino su 10 è straniero, urla Il Giornale.
Non è uno scherzo, l’articolo titola e approfondisce proprio tale concetto, terrorizzandolo allo spasimo: prima era zero su dieci, oggi ce n’è uno!
Paura, eh?
Beati i tempi in cui una decina di noi potevano andarsene in giro puri e compatti per carnagione e sacre tradizioni.
La lobby internazionale della sinis…