Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Migranti e COVID-19 una prima analisi

Il COVID-19 è emerso in un mondo strettamente connesso ai movimenti della popolazione locale e internazionale, scrive Lorenzo Guadagno, con più persone che si spostano per motivi di lavoro, istruzione e famiglia, turismo e sopravvivenza come mai in passato (Skeldon, 2018). Gli intensi movimenti della popolazione, in particolare di turisti e lavoratori, sono stati un fattore chiave della diffusione globale dell'epidemia (Hodcroft e altri, 2020 e 2018). La pandemia non può in quanto tale essere attribuita alla migrazione (Banulescu-Bogdan e altri, 2020).

Allo stesso tempo, la presenza e i movimenti dei migranti sono fondamentali dinamiche demografiche, sociali, culturali ed economiche che modellano i contesti locali che la pandemia sta colpendo. Per le società e le comunità di tutto il mondo, la contabilità (o meno) dei migranti negli sforzi di risposta e recupero dal COVID-19 influenzerà le traiettorie della crisi. Gli sforzi inclusivi in materia di salute pubblica saranno fondamentali per contenere e mitigare efficacemente l'epidemia, ridurre il numero complessivo di persone colpite e abbreviare la situazione di emergenza (Berger e altri, 2020). La mitigazione degli impatti economici, sociali e psicologici dell'epidemia (nonché le relative misure di risposta) su tutte le persone interessate consentiranno un recupero più rapido.

Questo documento analizza i modi specifici in cui

i migranti sono stati colpiti dalla pandemia e presenta una varietà di misure adottate nei paesi ospitanti e di origine dei migranti per prevenire, mitigare e affrontare i suoi impatti negativi. In tal modo, mira a fornire spunti per politiche e operazioni sul COVID-19 più inclusive ed efficaci.

Il documento esamina innanzitutto la presenza dei migranti in determinati paesi e località che sono stati pesantemente colpiti dalla pandemia nelle sue fasi iniziali. Fornisce quindi un'analisi delle condizioni che rendono i diversi gruppi di migranti specificamente vulnerabili agli impatti sanitari e socioeconomici dell'epidemia, evidenziando esempi di interventi inclusivi dei migranti attuati da attori governativi e non governativi. Ciò include l'esplorazione delle sfide specifiche che i migranti hanno dovuto affrontare a causa della limitata mobilità internazionale legata agli sforzi di prevenzione e mitigazione del COVID-19 e del crescente xenofobia nelle comunità di tutto il mondo. Il documento esamina quindi come la sofferenza individuale dei migranti si sta traducendo in effetti sistemici per le comunità ospitanti e domestiche al fine di trarre conclusioni sull'effettiva inclusione dei migranti nella risposta e nel recupero dal COVID-19.

Il documento fornisce un'analisi delle tendenze e dei modelli iniziali e in rapida evoluzione, basandosi su prove aneddotiche provenienti da diversi paesi e un corpo in espansione di dati non completamente affidabili né comparabili. Pertanto, non fornisce alcuna raccomandazione definitiva, completa o specifica per il contesto. Man mano che la pandemia si espande in nuove aree con diversi profili migratori, man mano che vengono implementate nuove misure di risposta e di recupero e quando emergono impatti secondari a più lungo termine, rischi e risorse diversi saranno più o meno rilevanti per i migranti e diverranno diverse misure disponibili per la loro origine e società di accoglienza.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Storie di immigrati: la risposta a Trump sui cesso di paesi

Cesso... la portentosa invenzione divenne oggetto di uso popolare più avanti, precisamente intorno al 1850.
Insomma, grazie, presidente, perché avrebbe potuto dire, che so, sedia di paesi o anche forchetta di paesi, ma non sarebbe stato lo stesso.
Con il suo, per quanto controverso accostamento, ha finalmente capito che qualora ci si riferisca a intere nazioni, significa tirare in ballo popoli, ovvero persone a milioni, culture millenarie e tradizioni antiche come l’uomo stesso.

Leggi di più

Centri di detenzione in Libia sono illegali e disumani

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati chiede ancora una volta il rilascio di migranti dai centri di detenzione in Libia. Secondo l'UNHCR, ci sono undici centri ufficiali che ospitano oltre 2.300 persone in Libia e molte strutture non ufficiali di cui si sa poco.

Ci sono undici centri di detenzione per migranti gestiti dal governo di accordo nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite in Libia, secondo l'agenzia dell’ONU per i rifugiati dell'UNHCR. Un totale di 2.362 persone sono state trattenute in queste strutture a partire dal 3 luglio.

I centri ufficiali nell'area di Tripoli sono a Triq al Sikka, Abu Salim e Janzour, mentre le strutture nel nord-ovest sono a Zwara, Sabratha, Azzawaya Abu Issa, Azzawaya Al Nasr, Giryan al Hamra e Zintan (Thaher al Jabal), a Il portavoce
dell'UNHCR ha riferito all'agenzia di stampa italiana ANSA a luglio. Nella parte occidentale del paese ci sono strutture ufficiali a Zliten e Sul al-Khamed (Khums).

Cattive condizioni …

Un giorno di ordinaria propaganda fascista

C’era una volta la propaganda.
Ovvero, la voce bugiarda e interessata.
Al clic del link come alla paura, la tua.
Di te che leggi e soprattutto credi a quel che temi.
Prendi Google News e cerca la parola magica.
Leggi pure come ciò che riempie il piatto di questi sciagurati scribacchini: immigrati.
In Italia torna la tubercolosi, un “regalo” degli immigrati, racconta il Primato Nazionale, forte di una redazione estremamente competente dal punto di vista scientifico, medico ed epidemiologico in generale.
Si coglie la banale ironia? Spero di sì, poiché ne farò uso copioso, da qui in poi.
Migranti, l’Italia ha superato la soglia limite: un cittadino su 10 è straniero, urla Il Giornale.
Non è uno scherzo, l’articolo titola e approfondisce proprio tale concetto, terrorizzandolo allo spasimo: prima era zero su dieci, oggi ce n’è uno!
Paura, eh?
Beati i tempi in cui una decina di noi potevano andarsene in giro puri e compatti per carnagione e sacre tradizioni.
La lobby internazionale della sinis…