Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Migranti e Coronavirus: conseguenze devastanti

È giusto che le nostre preoccupazioni collettive siano innanzitutto per le persone che sono maggiormente a rischio di morte per COVID-19. Tuttavia, dobbiamo anche ricordare che questa pandemia è anche sulla buona strada per esacerbare le vulnerabilità di alcuni dei 272 milioni di migranti internazionali in tutto il mondo. Le persone sfollate all'interno e oltre confine sono particolarmente a rischio; e la maggior parte dei 25,9 milioni di rifugiati nel mondo e 41,3 milioni di sfollati interni si trovano in paesi in via di sviluppo che stanno iniziando a risentire della pandemia solo ora.
I governi stanno introducendo sempre più misure per "appiattire la curva" quando vengono rilevate infezioni in un numero crescente di paesi. Al 26 marzo, oltre 180 paesi, territori e aree avevano superato le restrizioni di viaggio a causa di COVID-19, compresi i divieti di ingresso di cittadini di altri paesi. Queste misure sono integrate dalla chiusura delle frontiere in diversi paesi e dalla sospensione temporanea della migrazione di lavoro dalla Corea del Sud verso l'Argentina.

I migranti che vivono nei campi alle porte dell'Europa o degli Stati Uniti affrontano la possibilità di un devastante focolaio di virus data la loro vicinanza a paesi fortemente colpiti e le

loro condizioni di vita spesso anguste, insieme a servizi sanitari già estesi. L'isolamento sociale non è un'opzione. Mentre la pandemia di coronavirus ha eclissato una recente crisi al confine tra Turchia e Grecia, la situazione delle strutture nelle isole greche è allarmante, portando alcuni a chiedere l'immediata evacuazione dei migranti. Simili paure per un focolaio di COVID-19 sono state espresse su un campo di immigrazione improvvisato al confine tra Stati Uniti e Messico.

La difficile situazione dei migranti nei campi non è solo in gioco nelle regioni più colpite dalla pandemia. Man mano che il virus progredisce, metterà in pericolo la vita di molti in paesi che ospitano un gran numero di sfollati, come Giordania, Libano, Siria o Bangladesh. Il reinsediamento è ancora più remoto poiché l'Organizzazione internazionale per le migrazioni e l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati sono stati costretti a sospendere temporaneamente i viaggi di reinsediamento dei rifugiati a causa delle restrizioni di mobilità degli Stati e delle preoccupazioni sull'esposizione dei rifugiati a COVID-19. I paesi in via di sviluppo avranno bisogno del sostegno della comunità internazionale per combattere il virus per tutti coloro che vivono nelle loro comunità.

Il coronavirus sta inoltre esacerbando le vulnerabilità dei migranti che lavorano nei paesi di destinazione. Si stanno ponendo domande sui rischi per i lavoratori migranti nei paesi del Gulf Cooperation Council (GCC), poiché la maggior parte di essi vive in campi di lavoro migranti altamente popolati con condizioni sanitarie insufficienti e problemi sanitari preesistenti causati dal loro lavoro. Inoltre, i migranti irregolari detenuti in modo amministrativo in strutture anguste hanno un rischio maggiore di infettarsi. Belgio, Spagna, Paesi Bassi e Regno Unito hanno liberato alcuni immigrati irregolari dalla detenzione amministrativa a causa dell'incapacità di procedere alla deportazione nell'attuale stato di emergenza.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Storie di immigrati: la risposta a Trump sui cesso di paesi

Cesso... la portentosa invenzione divenne oggetto di uso popolare più avanti, precisamente intorno al 1850.
Insomma, grazie, presidente, perché avrebbe potuto dire, che so, sedia di paesi o anche forchetta di paesi, ma non sarebbe stato lo stesso.
Con il suo, per quanto controverso accostamento, ha finalmente capito che qualora ci si riferisca a intere nazioni, significa tirare in ballo popoli, ovvero persone a milioni, culture millenarie e tradizioni antiche come l’uomo stesso.

Leggi di più

Centri di detenzione in Libia sono illegali e disumani

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati chiede ancora una volta il rilascio di migranti dai centri di detenzione in Libia. Secondo l'UNHCR, ci sono undici centri ufficiali che ospitano oltre 2.300 persone in Libia e molte strutture non ufficiali di cui si sa poco.

Ci sono undici centri di detenzione per migranti gestiti dal governo di accordo nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite in Libia, secondo l'agenzia dell’ONU per i rifugiati dell'UNHCR. Un totale di 2.362 persone sono state trattenute in queste strutture a partire dal 3 luglio.

I centri ufficiali nell'area di Tripoli sono a Triq al Sikka, Abu Salim e Janzour, mentre le strutture nel nord-ovest sono a Zwara, Sabratha, Azzawaya Abu Issa, Azzawaya Al Nasr, Giryan al Hamra e Zintan (Thaher al Jabal), a Il portavoce
dell'UNHCR ha riferito all'agenzia di stampa italiana ANSA a luglio. Nella parte occidentale del paese ci sono strutture ufficiali a Zliten e Sul al-Khamed (Khums).

Cattive condizioni …

Un giorno di ordinaria propaganda fascista

C’era una volta la propaganda.
Ovvero, la voce bugiarda e interessata.
Al clic del link come alla paura, la tua.
Di te che leggi e soprattutto credi a quel che temi.
Prendi Google News e cerca la parola magica.
Leggi pure come ciò che riempie il piatto di questi sciagurati scribacchini: immigrati.
In Italia torna la tubercolosi, un “regalo” degli immigrati, racconta il Primato Nazionale, forte di una redazione estremamente competente dal punto di vista scientifico, medico ed epidemiologico in generale.
Si coglie la banale ironia? Spero di sì, poiché ne farò uso copioso, da qui in poi.
Migranti, l’Italia ha superato la soglia limite: un cittadino su 10 è straniero, urla Il Giornale.
Non è uno scherzo, l’articolo titola e approfondisce proprio tale concetto, terrorizzandolo allo spasimo: prima era zero su dieci, oggi ce n’è uno!
Paura, eh?
Beati i tempi in cui una decina di noi potevano andarsene in giro puri e compatti per carnagione e sacre tradizioni.
La lobby internazionale della sinis…