mercoledì 22 aprile 2020

Migliaia di migranti prigionieri in Nuova Zelanda

Migliaia di migranti sono bloccati a Queenstown, incapaci di tornare a casa e impossibilitati a guadagnarsi da vivere durante il blocco del coronavirus, scrive Eleanor Ainge Roy.

La Nuova Zelanda è stata in blocco di livello quattro per un mese, il che significa che nessuno può lasciare la propria casa se non per recuperare le forniture essenziali o per una breve tregua per fare esercizio.

Secondo l'Esercito della salvezza, la maggior parte

dei migranti a Queenstown è impiegata nei settori dell'ospitalità e della ristorazione e molti vivono in condizioni di sovraffollamento, comprese le pensioni in cui le relazioni sono sotto pressione.

Sebbene sussistano sussidi salariali per alcuni migranti, a seconda del visto e delle condizioni di lavoro, altri non sono stati ammissibili per l'assistenza del governo e 5.000 persone hanno presentato domanda di aiuto d'emergenza, incluso il vitto e l'alloggio.

Con la maggior parte dei migranti incapaci di tornare nei loro paesi di origine a causa delle restrizioni ai viaggi e al blocco, la situazione sta diventando simile a una "crisi dei rifugiati", ha detto l'Esercito della Salvezza, con circa 6.000 persone che necessitano di un aiuto urgente.

L'esercito della salvezza ha subito un aumento del 600% della domanda per i suoi servizi durante il blocco.

"Vediamo settimana dopo settimana misure di difficoltà più estreme e complicate. È iniziato con ‘Non ho soldi per il cibo’, ma sta diventando ‘Non ho soldi per l'affitto, la mia energia, legna da ardere, abbigliamento invernale’ e la lista diventa sempre più lunga ", ha detto il tenente Andrew Wilson.

"Molti migranti non possono tornare a casa, perché il loro paese è completamente bloccato o non hanno le risorse per pagare i voli".

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento