venerdì 3 aprile 2020

Medici e migranti sono gli eroi che ora ci mancano

Sin dall'inizio del focolaio di Coronavirus, politici ed esperti hanno sottolineato l'importanza dei confini nazionali. Mentre il numero di infezioni cresceva negli Stati Uniti, il presidente Trump ha ribadito la sua promessa elettorale di un muro sul confine meridionale degli Stati Uniti. Altri leader hanno demonizzato i migranti che si intrecciano come portatori di una malattia aliena.

La risposta alla pandemia, sostenevano alcuni commentatori, ha segnato una resurrezione dello stato-nazione come attore dominante in un'epoca di paura e blocchi. Ha colpito i freni del nostro mondo interconnesso, con le catene di approvvigionamento chiuse, il commercio interrotto e il viaggio temporaneamente bloccato. Alcuni analisti considerano persino la pandemia come il precursore di una nuova era, quella in cui la globalizzazione si disfa e i paesi si rivolgono verso l'interno e cercano una maggiore autosufficienza.

In altre parole, è un momento per nazionalisti e cittadini. Essere un migrante, un rifugiato o un richiedente asilo durante questa crisi globale significa ritrovarsi ancora più sfortunato di quanto non fossi prima.

Indipendentemente dalle disperate suppliche delle agenzie di aiuto, c'è ancora meno capacità internazionale di agire in campi angusti e sgangherati di rifugiati del mondo dove l'epidemia sta iniziando a diffondersi. Le cose non vanno molto meglio per coloro che fuggono dal conflitto o dalla privazione: l'amministrazione Trump, per esempio, ha accelerato le deportazioni dei richiedenti asilo che arrivano al confine degli Stati Uniti, mentre i gruppi no profit avvertono del trattamento negligente dell'amministrazione sugli immigrati esposti al virus nei centri di detenzione.

Eppure puoi sostenere che i migranti sono gli eroi non celebrati e in prima linea della pandemia. Dagli ospedali alle terre coltivate, i migranti forniscono lavoro vitale per mantenere a galla le società. Sono anche le persone più vulnerabili della società: vedi le scene dei migranti rurali costretti dai blocchi a camminare a centinaia di miglia da casa dalle principali città dell'India.

Altrove, la loro assenza ha approfondito il senso di

crisi. I miei colleghi, scrive Ishaan Tharoor, hanno riferito all'inizio di questa settimana sui problemi che i paesi europei stanno affrontando ora che le chiusure delle frontiere e i divieti di viaggio li hanno privati del lavoro migratorio da cui dipendono i loro settori agricoli.

"Le aziende agricole in Europa occidentale sono profondamente dipendenti dagli europei dell'est che viaggiano per lavoro durante la stagione di crescita", hanno riferito. “Tuttavia, con i blocchi in atto mentre l'agricoltura si sveglia dal suo sonno invernale, gli asparagi tedeschi possono iniziare a marcire nel campo e le fragole francesi possono soffrire di una mancanza di cura. I paesi europei affermano di avere abbastanza cibo, per ora. Ma ci sono preoccupazioni su cosa potrebbe accadere se la crisi si trascina in profondità nella stagione di crescita, così come i timori per il sostentamento dei loro agricoltori."

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento