giovedì 9 aprile 2020

Italia chiude i porti ai migranti ma chiede aiuto all'Europa

Le navi di salvataggio di migranti di bandiera che non sia nazionale non saranno più in grado di attraccare in Italia, dopo che il paese ha dichiarato che i suoi porti non sono sicuri a causa della pandemia di coronavirus.
"Data la diffusione di Covid-19, i porti italiani non possono garantire i requisiti necessari per essere qualificati come luoghi di sicurezza", recita il decreto governativo.
Sebbene non menzioni specificamente i migranti, l'ordine si riferisce alle operazioni di ricerca e salvataggio, che colpiscono ogni anno migliaia di migranti dal Mediterraneo.

Rimarrà in vigore per tutta la durata

dell'emergenza sanitaria innescata dalla pandemia di coronavirus, si legge nel decreto.
La misura è stata condannata da diverse organizzazioni non governative (ONG), tra cui Sea Watch, MSF e Open Arms, in una dichiarazione congiunta.
La dichiarazione spiega che l'Italia dovrebbe "mostrare la stessa solidarietà nei confronti delle persone vulnerabili che rischiano la vita in mare perché non hanno alternative" in un momento in cui il paese sta cercando un aiuto internazionale per affrontare la pandemia.
"Con un decreto il cui ovvio scopo è fermare le attività di salvataggio nel Mediterraneo, senza fornire alternative per salvare la vita a coloro che fuggono dalla Libia, l'Italia ha privato i suoi porti della connotazione di luoghi sicuri", si legge nella dichiarazione congiunta.
Nessuno dei firmatari delle ONG ha attualmente navi di salvataggio in mare, secondo la suddetta dichiarazione.
Ma il decreto arriva quando la nave battente bandiera tedesca Alan Kurdi, operata da Sea-Eye, è attualmente in acque internazionali al largo delle coste della Libia con 150 sopravvissuti al naufragio a bordo, tra cui una donna incinta, secondo il loro comunicato stampa.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento