venerdì 17 aprile 2020

Dramma dei lavoratori immigrati in Europa durante il Coronavirus

Per decine di migliaia di lavoratori in tutta Europa, lo #stayathome ha posto un dilemma doloroso, scrive Paula Erizanu. I lavoratori migranti del continente affrontano una scelta non invidiabile: rimanere al lavoro, spesso in prima linea nell'assistenza sociale, e potenzialmente rischiare l'infezione, o tornare al loro paese di origine senza lavoro e stigmatizzati.

Molte persone provenienti dalle regioni più povere d'Europa, che hanno approfittato della libertà di movimento, sono ora prigioniere in una terra di nessuno, con chiusure delle frontiere, nessun volo di rimpatrio se hanno perso il lavoro a basso reddito, pochi risparmi e limitato o nessun accesso a una rete di sicurezza statale in virtù di disposizioni di sicurezza sociale anomale. Se riescono a tornare a casa, alcuni affrontano il sospetto di aver portato il virus con loro.

"Con grande tristezza, esorto i rumeni nella diaspora: non tornare a casa per le vacanze di Pasqua", ha detto il presidente rumeno, Klaus

Iohannis, ai 5 milioni di concittadini che vivono all'estero. La Pasqua cristiana ortodossa cade di domenica 19 aprile. Eppure, fino a ora, "la diaspora" è stata lodata come una forza politica progressista e una fonte di rimesse economiche tanto necessarie.

Nonostante le rigorose condizioni di quarantena per proteggere la salute pubblica in Romania e Bulgaria, decine di migliaia di lavoratori di entrambi i paesi scelgono di accorrere a ovest per intraprendere lavori agricoli stagionali a basso reddito. In Germania, il governo ha rinunciato alle disposizioni sull'occupazione per salvare il prezioso raccolto di asparagi bianchi: i coltivatori di alimenti tedeschi non dovranno versare contributi previdenziali per i migranti, purché vengano espulsi di nuovo entro 115 giorni.

L'Austria, nel frattempo, ha sfidato le chiusure delle frontiere organizzando voli charter dalla Romania e dalla Bulgaria per portare centinaia di operatori di assistenza 24 ore su 24 a prendersi cura di persone anziane e vulnerabili. Su un volo, più di 200 persone, per lo più donne, della città rumena occidentale di Timişoara e della capitale bulgara Sofia sono arrivate a Vienna. Secondo alcuni di quelli che hanno viaggiato, non hanno avuto occasione di allontanarsi socialmente durante il tragitto e hanno ottenuto il passaporto durante la quarantena organizzata dallo stato una volta sbarcati in Austria, fino a quando i media locali hanno esposto la storia.

Quando i confini si sono chiusi, molte badanti e assistenti in casa sono bloccati; alcuni nelle case dei loro pazienti, altri in Romania, dove non hanno entrate. I loro accordi di lavoro impongono loro di trascorrere metà del mese a casa del loro paziente in Austria e metà in Romania. Guadagnare meno di € 11.000 all'anno - la soglia al di sopra della quale diventa obbligatoria una dichiarazione fiscale per le autorità austriache delle entrate - gli assistenti lavorano principalmente tramite agenzie e broker intermedi.

Sebbene siano cittadini dell'UE, molti mancano di numeri di assicurazione nazionali o persino di conti bancari in Austria, quindi non possono beneficiare dell'aiuto dello stato austriaco o rumeno. "Ci sentiamo abbandonati da entrambi gli stati", ha detto Marinel Dagadita, una badante e attivista per i diritti delle badanti. Alcune persone bloccate in Austria, che volevano tornare a casa dai propri figli, dissero che dovevano prendere taxi costosi per arrivare alla frontiera e poi passare il controllo delle frontiere a piedi.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento