lunedì 27 aprile 2020

Crisi dei migranti peggiora a causa del Covid-19

I lavoratori migranti in India, che costituiscono circa il 50% della popolazione urbana e molti dei quali sono impegnati in quelli che vengono chiamati "lavori 3D" (sporchi, pericolosi e umilianti) rischiano di affrontare la crisi del lavoro e del sostentamento a causa della pandemia di COVID-19, secondo i risultati di una ricerca condotta dall'International Institute for Population Sciences (IIPS), Mumbai, scrive Nagesh Prabhu Bengaluru.

Il blocco ha lasciato circa il 42% senza razione di cibo e il 33% è rimasto bloccato in città senza accesso a cibo, acqua e denaro. Circa il 94% di

loro non ha la carta d'identità del lavoratore, hanno affermato i ricercatori dell'IIPS RB Bhagat, Reshmi RS, Harihar Sahoo, Archana K. Roy e Dipti Govil nel loro documento intitolato "The COVID-19, Migration and Livelihood in India" .

Quando i migranti fuggono dalla città, non solo perdono il sostentamento, ma possibilmente portano le infezioni nei loro luoghi nativi, ha osservato lo studio. “L'India rischia di affrontare la crisi del lavoro a causa di COVID-19. I lavoratori migranti e i lavoratori del settore informale rischiano di essere colpiti gravemente ", afferma il documento.

I ricercatori hanno studiato la popolazione migrante di otto città metropolitane di Delhi, Greater Mumbai, Calcutta, Chennai, Greater Bengaluru, Hyderabad, Ahmedabad e Pune e hanno affermato che queste città hanno registrato il 38% (2.587) dei 6.761 casi totali del paese il 13 aprile. Circa il 47% della popolazione in queste città è migrante, mentre il 21,6% è migrante interstatale.

Notando che la pandemia ha visto "uno dei più grandi flussi di migrazione di ritorno di massa nel paese", il giornale ha detto che i tassi di immigrazione erano più alti negli Stati ad alto reddito come Delhi, Goa, Haryana, Punjab, Maharashtra, Gujarat e Karnataka, mentre gli Stati a basso reddito come Bihar, Uttar Pradesh, Jharkhand, Rajasthan e Odisha hanno riportato tassi di emigrazione relativamente più alti. Circa un quinto dei migranti è interstatale.

A seguito della mancanza della loro inclusione nella società urbana, ai lavoratori è stato gravemente negato l'accesso a regimi di sicurezza sociale, assistenza sanitaria e altri diritti. Molti schemi pensati per i poveri non li raggiungono per mancanza di identità e prove residenziali.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento