giovedì 26 marzo 2020

Rischi degli immigrati legalizzati per il Coronavirus

Migliaia di persone con status legale negli Stati Uniti potrebbero inavvertitamente violare la legge sull'immigrazione nei prossimi mesi, poiché l'agenzia governativa che elabora le domande rimane chiusa a causa della pandemia di Coronavirus.

Avvocati, think tank, attivisti e United States Citizenship and Immigration Services (USCIS) - l'agenzia che rilascia permessi di lavoro e naturalizzazioni a cittadini stranieri - hanno avanzato alcune proposte per colmare le lacune nella legislazione sull'immigrazione esistente, ma potenzialmente milioni rimangono a rischio.

"I tempi di crisi sottolineano i fallimenti nel sistema che hai. E uno dei fallimenti nel nostro sistema di immigrazione è che non risponde alle crisi.", ha affermato il cardinale Brown Brown, direttore dell'immigrazione e della politica transfrontaliera presso Centro politico bipartisan.

Una delle principali preoccupazioni degli avvocati

dell'immigrazione sono i cittadini stranieri i cui permessi di lavoro stanno per scadere, sia che intendono richiedere una proroga o lasciare il Paese.

USCIS, un'organizzazione che in gran parte usa materiale cartaceo, ha sospeso il servizio del personale almeno fino al 1° aprile per proteggere dal contagio il suo staff, gli appaltatori e i potenziali richiedenti.

"La preoccupazione immediata e più urgente per i nostri membri e dipendenti è garantire che le persone il cui status sta scadendo abbiano mezzi e misure per rimanere legalmente", ha affermato Sharvari Dalal-Dheini, direttore delle relazioni governative presso l'American Immigration Lawyers Association (AILA).

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento