martedì 10 marzo 2020

Proteste anti migranti in Serbia: solo 200 persone

In mezzo al silenzio degli altri funzionari statali, il commissario serbo per i rifugiati e le migrazioni, Vladimir Cucic, ha dichiarato che la manifestazione tenuta contro i migranti a Belgrado domenica "è stata una grande vergogna".

Secondo i media, circa 200 persone si sono

radunate davanti al palazzo del governo a Belgrado per protestare contro i migranti. Un rapporto di Radio Free Europe afferma che i presenti hanno espresso "preoccupazione per la possibile migrazione dei migranti in Serbia e il ritorno di coloro che sono passati attraverso il paese".

Secondo quanto riferito, hanno affermato che "se lo Stato e la polizia non possono proteggere lo Stato, lo faremo noi" e hanno annunciato che avrebbero istituito pattuglie in strada.

I partecipanti hanno gridato; "Non vogliamo i migranti", "Serbia per i serbi", "Recinzione per i migranti, libertà per i cittadini" e altri slogan.

Uno striscione di protesta svelato di fronte all'edificio del governo recitava: "I terroristi non sono i benvenuti" e "Non ci sostituirete" - quest'ultimo che fa riferimento alla cosiddetta grande teoria della sostituzione, una teoria della cospirazione di estrema destra che afferma che esistono piani per sostituire “razze” storiche bianche europee con immigrati non bianchi.

Dopo il raduno, hanno tenuto una passeggiata di protesta a Belgrado durante la quale uno sconosciuto ha lanciato una pietra nell'ufficio del Commissariato per i migranti e i rifugiati.

Il commissario Cucic ha affermato che "è stato fatto un grande sforzo per riunire 200 persone che odiano" a Belgrado.

"Non mi sento umiliato... se questo è tutto il numero di xenofobi che possono stare insieme in questo momento, forse la Serbia ha qualcosa di cui essere orgogliosi. Se 200 è il numero di persone che odiano in Serbia, nessuno più felice di me", ha detto Cucic all'agenzia di stampa Beta.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento