lunedì 30 marzo 2020

Migranti in India senza casa e cibo per il Coronavirus

L'improvvisa chiusura delle imprese ha sconvolto la vita di milioni di lavoratori migranti nelle città indiane. Più di una dozzina di migranti sono morti e la rabbia sta aumentando.
In una delle più grandi migrazioni nella storia moderna dell'India, centinaia di migliaia di lavoratori migranti hanno iniziato lunghi viaggi a piedi per tornare a casa, essendo stati resi senza casa e senza lavoro dal blocco nazionale del Primo Ministro Narendra Modi per contenere la diffusione del Coronavirus.

Con le imprese chiuse nelle città di tutto il paese, un gran numero di migranti - molti dei quali vivevano e mangiavano dove lavoravano – improvvisamente sono senza cibo e riparo. Le cucine per zuppe a Delhi, la capitale, sono state chiuse. Finora, più di una dozzina di lavoratori migranti hanno perso la vita in diverse parti del paese mentre cercavano di tornare a casa, hanno detto i funzionari dell'ospedale.

Migliaia di migranti a Delhi, comprese intere

famiglie, hanno impacchettato pentole, padelle e coperte in zaini, alcuni bambini in equilibrio sulle spalle mentre camminavano lungo le autostrade interstatali. Alcuni hanno pianificato di percorrere centinaia di miglia. Ma quando anno raggiunto il confine di Delhi, molti sono stati respinti dalla polizia.

“Temi la malattia, vivendo per le strade. Ma temo più la fame, non il Coronavirus”, ha detto Papu, 32 anni, che è venuto a Delhi tre settimane fa per lavoro e ora sta cercando di tornare a casa sua a Saharanpur, nello stato di Uttar Pradesh, a 125 miglia di distanza.

Mentre decine di paesi in tutto il mondo sono bloccati per contenere la diffusione del virus, in luoghi affollati e impoveriti come l'India, molti temono che le misure possano scatenare disordini sociali. Milioni di persone vivono nei bassifondi indiani e rimanere a casa per tre settimane - come ha ordinato Modi - è una prospettiva scoraggiante in quei luoghi, dove dozzine di familiari spesso condividono alcune stanze.

I lavoratori migranti hanno protestato contro il blocco in tutta l'India. Sabato, migliaia sono usciti per le strade nello stato meridionale del Kerala, dicendo che non mangiavano da giorni. Le autorità li hanno esortati a disperdersi per la propria sicurezza, ma costoro hanno ignorato gli ordini.

L'India aveva già una delle popolazioni di senzatetto più grandi del mondo e il blocco ha aumentato il suo numero in modo esponenziale, affermano i lavoratori delle organizzazioni non governative. Un censimento del governo del 2011 ha messo il numero di senzatetto a 1,7 milioni, quasi certamente una grande sottovalutazione in questo paese di 1,3 miliardi, dicono gli esperti.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento