Passa ai contenuti principali

Temi attuali: storie di migranti libri, storie di migranti di successo, brevi storie di immigrati, storie di rifugiati, storia di migrazione, storia di una migrante, storie di migranti bambini, storie di migranti a Lampedusa

Migrant Voices Voci Migranti reportage di The Nation

Circa un anno fa, la redazione di The Nation ha iniziato un progetto pensato per raccontare storie di migranti, concentrandosi su storie che sono comunemente sottovalutate e sotto rappresentate.
“Intendevamo fare qualcosa al di là del tipico reportage troncato, mettendo in risalto una tragedia personale contro l'ultimo cinguettio anti-immigrato su Twitter o la politica di frontiera di Washington. Volevamo evitare gli esperti, lasciare perdere le spiegazioni e semplicemente ascoltare. Abbiamo deciso che il modo migliore per farlo era lasciare che i migranti raccontassero le loro storie, con le loro stesse parole. Il formato della storia orale, credevamo, avrebbe offerto più spazio ai migranti per parlare da soli, per raccontare le loro storie su come volevano raccontarle. Ecco come è nata Migrant Voices.

“Indipendentemente da quale parte del dibattito tu

stia affrontando, nelle discussioni sull'immigrazione in questi giorni - che si tratti di denigrare le politiche draconiane o di denigrare la migrazione stessa - la reazione sempre più comune è l'indignazione. L'indignazione, tuttavia, ha lo sfortunato effetto collaterale di eclissare sia la sfumatura che l'umanità, ed è quello che stiamo cercando di correggere con questa serie. Stiamo cercando di raccontare storie complesse e umane che non sono vincolate dal ciclo di notizie ma trascendono i cicli di notizie.

“Abbiamo invitato i nostri contatti e le nostre reti esistenti e abbiamo contattato le organizzazioni che lavorano e rappresentano i migranti sul campo, con l'obiettivo di ottenere la fiducia dei migranti che non solo erano disposti, ma desiderosi di parlare, e desideravano che più cittadini sentissero parlare sia le loro storie di migrazione che la loro realtà quotidiana. Ma nonostante il desiderio di farsi avanti, tutti i migranti con cui abbiamo parlato erano ancora titubanti.

“Finora abbiamo parlato con nove persone: dalla Nigeria, dall'India, dalla Repubblica Dominicana, dal Messico, dal Nepal, dalla Siria, dall'Ucraina e dalla Cina. Le prossime storie toccheranno la Giamaica e la regione di Garifuna in Honduras, e poi avremo altro da seguire. Hanno un'età compresa tra 17 e 61 anni. Sono rifugiati, lavoratori temporanei, al riparo di asili. Stanno combattendo per uno status speciale di immigrante minorenne, in possesso di uno status temporaneo di protezione, con un visto. Sono residenti permanenti legali che si trovano nel paese attraverso il ricongiungimento familiare e uno è persino apolide ma con protezione. Ma nonostante questi stati - sebbene superficiali, possono pesare eccessivamente pesantemente sulla loro vita - non definiscono da soli la propria vita. Il loro status giuridico e le storie sull'immigrazione fanno parte delle loro identità, ma anche le loro famiglie, i loro lavori, i loro hobby, le loro esperienze d'infanzia, le loro stranezze, le speranze, le preferenze, la politica e le passioni - tutti gli aspetti di una persona che normalmente lo trasformiamo in una notizia, e per la quale proviamo a cercare di aprire una stanza con Migrant Voices.”

Qui per leggere le storie.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Storie di immigrati: la risposta a Trump sui cesso di paesi

Cesso... la portentosa invenzione divenne oggetto di uso popolare più avanti, precisamente intorno al 1850.
Insomma, grazie, presidente, perché avrebbe potuto dire, che so, sedia di paesi o anche forchetta di paesi, ma non sarebbe stato lo stesso.
Con il suo, per quanto controverso accostamento, ha finalmente capito che qualora ci si riferisca a intere nazioni, significa tirare in ballo popoli, ovvero persone a milioni, culture millenarie e tradizioni antiche come l’uomo stesso.

Leggi di più

Centri di detenzione in Libia sono illegali e disumani

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati chiede ancora una volta il rilascio di migranti dai centri di detenzione in Libia. Secondo l'UNHCR, ci sono undici centri ufficiali che ospitano oltre 2.300 persone in Libia e molte strutture non ufficiali di cui si sa poco.

Ci sono undici centri di detenzione per migranti gestiti dal governo di accordo nazionale sostenuto dalle Nazioni Unite in Libia, secondo l'agenzia dell’ONU per i rifugiati dell'UNHCR. Un totale di 2.362 persone sono state trattenute in queste strutture a partire dal 3 luglio.

I centri ufficiali nell'area di Tripoli sono a Triq al Sikka, Abu Salim e Janzour, mentre le strutture nel nord-ovest sono a Zwara, Sabratha, Azzawaya Abu Issa, Azzawaya Al Nasr, Giryan al Hamra e Zintan (Thaher al Jabal), a Il portavoce
dell'UNHCR ha riferito all'agenzia di stampa italiana ANSA a luglio. Nella parte occidentale del paese ci sono strutture ufficiali a Zliten e Sul al-Khamed (Khums).

Cattive condizioni …

Un giorno di ordinaria propaganda fascista

C’era una volta la propaganda.
Ovvero, la voce bugiarda e interessata.
Al clic del link come alla paura, la tua.
Di te che leggi e soprattutto credi a quel che temi.
Prendi Google News e cerca la parola magica.
Leggi pure come ciò che riempie il piatto di questi sciagurati scribacchini: immigrati.
In Italia torna la tubercolosi, un “regalo” degli immigrati, racconta il Primato Nazionale, forte di una redazione estremamente competente dal punto di vista scientifico, medico ed epidemiologico in generale.
Si coglie la banale ironia? Spero di sì, poiché ne farò uso copioso, da qui in poi.
Migranti, l’Italia ha superato la soglia limite: un cittadino su 10 è straniero, urla Il Giornale.
Non è uno scherzo, l’articolo titola e approfondisce proprio tale concetto, terrorizzandolo allo spasimo: prima era zero su dieci, oggi ce n’è uno!
Paura, eh?
Beati i tempi in cui una decina di noi potevano andarsene in giro puri e compatti per carnagione e sacre tradizioni.
La lobby internazionale della sinis…