martedì 24 marzo 2020

Fermare le violenze contro i migranti in Grecia

La Grecia deve agire immediatamente per porre fine alla violenza contro i migranti e i richiedenti asilo al confine tra Turchia e Grecia, ha detto lunedì un esperto indipendente dei diritti umani delle Nazioni Unite, esprimendo allarme per le notizie di violenza da parte di alcuni funzionari di sicurezza greci e uomini armati non identificati .

"Sono molto preoccupato per i respingimenti segnalati ai danni di richiedenti asilo e migranti, che costituisce una violazione del divieto di espulsioni collettive e del principio di non respingimento", ha dichiarato Felipe González Morales, relatore speciale sui diritti umani dei migranti.

Il 1° marzo, la Grecia ha sospeso per 30 giorni le

domande di asilo per chiunque avesse attraversato il confine in modo irregolare, il che ha spinto il relatore speciale a sollecitare il paese a "invertire immediatamente la sua decisione", affermando che "non ha basi giuridiche nel diritto internazionale dei diritti umani" .

I migranti che sono riusciti ad attraversare la Grecia sono stati presumibilmente intercettati dalle guardie di frontiera greche, arrestati, spogliati, saccheggiati e respinti in Turchia.

E il presunto uso eccessivo della forza sembra aver portato a morti e feriti, inclusa la morte di un richiedente asilo siriano.

"Il diritto alla valutazione individuale è la pietra angolare dei diritti umani e della protezione dei rifugiati", ha avvertito González Morales. "Non può essere messo in attesa".

Ha sottolineato che il ritorno delle persone senza il dovuto processo "porterà inevitabilmente a casi in cui possono affrontare il rischio di morte, tortura, maltrattamenti, persecuzioni o altri danni irreparabili".

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento