martedì 31 marzo 2020

Diritto di cittadinanza ai migranti in Portogallo

Il Portogallo ha temporaneamente concesso a tutti i migranti e i richiedenti asilo il pieno diritto alla cittadinanza, garantendo loro il pieno accesso all'assistenza sanitaria del paese mentre lo scoppio del nuovo Coronavirus si intensifica nel paese.

La mossa "garantirà inequivocabilmente i diritti di tutti i cittadini stranieri" con domande in corso con l'immigrazione portoghese, nel senso che si trovano "in una situazione di regolare permanenza nel territorio nazionale", fino al 30 giugno, ha detto venerdì il Consiglio dei ministri portoghese.
Il Consiglio dei ministri portoghese ha spiegato che è stata presa la decisione di "ridurre i rischi per la salute pubblica" di mantenere l'attuale programmazione degli appuntamenti presso l'ufficio immigrazione, sia per gli agenti di frontiera che per i migranti e i richiedenti asilo.

Il Portogallo ha dichiarato lo stato di emergenza il 18 marzo che è entrato in vigore a mezzanotte di quel giorno e doveva durare per 15 giorni. Il Primo Ministro portoghese Antonio Costa ha dichiarato durante una conferenza stampa che "la democrazia non sarà sospesa".
Il paese è stato una dittatura per decenni, con la democrazia restaurata nel 1974.
Il presidente Marcelo Rebelo de Sousa ha definito

la pandemia di Covid-19 "una vera guerra", che porterà vere sfide al "modo di vivere e all'economia" del paese.

Rebelo de Sousa ha anche elogiato il comportamento dei cittadini portoghesi, "che sono stati esemplari nell'imporsi un'auto-quarantena, un paese che ha vissuto tutto".

Il Portogallo ha 6.408 casi di coronavirus, con 140 morti e 43 recuperati, secondo i dati della Johns Hopkins University.

Ma dimostra al mondo cosa vuol dire essere un paese civile.
E umano.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento