venerdì 27 marzo 2020

Diritti fondamentali anche oltre i confini degli Stati

Il rappresentante speciale del segretario generale per la migrazione e i rifugiati del Consiglio d'Europa, Drahoslav Štefánek, insieme all'Agenzia dell'UE per i diritti fondamentali (FRA) ha pubblicato una nota sulle principali garanzie in materia di diritti fondamentali applicabili alle frontiere esterne dei rispettivi Stati membri.

La nota mira a sostenere gli Stati membri dell'UE e del Consiglio d'Europa nei loro compiti quando adottano misure di protezione, anche per contenere la diffusione del virus Covid-19 e per affrontare le questioni relative all'ordine pubblico, alla salute pubblica o alle sfide della sicurezza nazionale.

Gli Stati hanno il diritto di controllare l'ingresso di

cittadini stranieri nel loro territorio. Mentre devono proteggere le loro frontiere esterne e salvaguardare l'ordine pubblico e la salute pubblica, hanno anche il dovere di proteggere i diritti fondamentali delle persone. Tali garanzie derivano dal diritto dell'UE e dagli strumenti CoE, in quanto si applicano alle frontiere esterne dell'UE, tenendo presente che gli strumenti CoE pertinenti si applicano a tutte le frontiere.

La nota si concentra su domande come:

- Quali doveri hanno gli Stati membri nella protezione delle loro frontiere esterne?
- Quali rimedi dovrebbero essere messi in atto in caso di uso eccessivo della forza alle frontiere?
- Quali sono le regole in vigore quando le persone attraversano le frontiere illegalmente?
- L'accesso all'asilo può essere sospeso?
- Come rispettare il principio di non respingimento?
- Cosa si può fare per aiutare i bambini più vulnerabili, in particolare i non accompagnati?

Per ulteriori informazioni, consultare anche il Manuale di diritto europeo in materia di asilo, frontiere e immigrazione, prodotto congiuntamente dalla FRA e dalla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Pur riconoscendo la reale minaccia per la salute e la vita che il virus COVID-19 rappresenta e il dovere degli Stati di garantire la salute del pubblico, la FRA sta attualmente intraprendendo un rapido esercizio di ricerca sull'impatto delle risposte alla pandemia di COVID-19 rispetto a diritti fondamentali delle persone, che coprono tutti gli Stati membri dell'UE. La FRA pubblicherà un rapporto di approfondimento su questo argomento all'inizio di aprile.

Nel frattempo, il Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti (CPT) del Consiglio d'Europa ha sottolineato che le misure di protezione non devono mai comportare maltrattamenti nei confronti di persone private della libertà. Gli Stati dovrebbero continuare a garantire l'accesso degli organismi di controllo a tutti i luoghi di detenzione, compresi i luoghi in cui le persone sono tenute in quarantena. Tutti gli organismi di controllo dovrebbero tuttavia prendere tutte le precauzioni per osservare il principio "non nuocere".

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento