mercoledì 12 febbraio 2020

Due migranti morti in viaggio per la Spagna

Due migranti sono morti nel tentativo di raggiungere le Isole Canarie spagnole in una traballante barca di legno. 18 migranti che viaggiavano sulla stessa barca sono sopravvissuti e sono stati portati da una nave mercantile sull'isola di Gran Canaria. La nave migrante era rimasta alla deriva a circa 800 chilometri a sud-ovest delle Canarie quando è stata avvistata.

Si dice che l'uomo sia morto prima che la nave mercantile Unisea raggiungesse la barca che si trovava a circa 800 chilometri a sud-ovest delle Isole Canarie nell'Oceano Atlantico, secondo il quotidiano spagnolo El País.

La donna è morta in ospedale dopo essere stata evacuata dall'Unisea domenica mattina. Altri sette sono stati anche evacuati a causa di sintomi di

ipotermia e disidratazione. Domenica sono stati trasportati in elicottero in una clinica a El Hierro; cinque sono stati dimessi ieri e saranno ospitati in un ostello nel nord dell'isola, secondo i media locali.

La barca di legno è stata avvistata alla deriva il 7 febbraio da una barca da pesca marocchina, ha dichiarato il servizio di salvataggio spagnolo Salvamento Marítimo. I pescatori non avevano la capacità di accogliere a bordi i migranti e hanno avvistato le navi mercantili vicine per impedire il naufragio. L'Unisea ha cambiato rotta e, assistito da un'altra nave, ha preso a bordo i migranti.

I 18 sopravvissuti includono 14 uomini e 4 donne. Hanno raggiunto l'isola di Gran Canaria a bordo dell'Unisea e sbarcato lunedì 10 febbraio. Anche il corpo del migrante maschio è stato trasferito a terra.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento